Pulp

8.50

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i credi- tori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detecti- ve, “il più dritto detective di Los Angeles”. Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzia- lismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le epi- sodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l’ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere inven- zioni narrative, diventano il “pulp” del titolo. Lontano dalle atmosfere te- nebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Facebook

Descrizione

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i credi- tori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detecti- ve, “il più dritto detective di Los Angeles”. Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzia- lismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le epi- sodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l’ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere inven- zioni narrative, diventano il “pulp” del titolo. Lontano dalle atmosfere te- nebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pulp”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *