Lo straniero a giudizio. Tra psicopatologia e diritto

17.00

Facebook

Descrizione

Sempre più stranieri sono alle prese con le nostre concezioni nonnative, leggi, procedure, i nostri metodi di accertamento giudiziario, che possono essere diversi dai loro perché si tratta di prodotti culturali. Come deve comportarsi il diritto di fronte a questo possibile “conflitto culturale”? Fino a che punto si può accettare il concetto di “reato culturalmente motivato” e fino a che punto vi si può rispondere con un atteggiamento sanzionatorio più “comprensivo”? Le cose si complicano ulteriormente quando il diritto si incontra con la psicopatologia, dato che la malattia mentale e i modi in cui viene chiamata non sono gli stessi ovunque. Come fare una perizia di questo tipo? Che cosa chiedere e come condurre un colloquio? Dove si colloca la differenza tra una credenza culturalmente compatibile e un sintomo di malattia mentale? Ha senso usare gli stessi strumenti, i “test” per esempio, che si usano per gli autoctoni? Come evitare sia il pregiudizio culturalista sia le ingiustizie che possono scaturire da un approccio che non tenga conto delle differenze? Sono queste le domande a cui il libro risponde, anche sulla scorta di esempi e di una ricerca su perizie in cui sono valutate l’imputabilità, la capacità di partecipare coscientemente al processo e la pericolosità sociale di 86 stranieri.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lo straniero a giudizio. Tra psicopatologia e diritto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *